Diversi aneddoti sulla storia dello sport in Italia da sapere

Per quanto riguarda vari campionati internazionali in varie attività, la squadra azzurra è nota per i risultati positivi dei suoi atleti: in questo pezzo ne considereremo un paio di esempi da tenere in mente.

Considerando gli sport più seguiti in Italia, l’esempio più scontato e forse più popolare in assoluto è senz'altro il calcio. Giunto nella penisola intorno alla fine del 1800, portato dall’Inghilterra, inizialmente si sviluppò in organizzazioni sportive che precedentemente si occupavano di cricket e di atletica (un fatto interessante, considerando che attualmente il cricket è propagato principalmente negli stati del Commonwealth invece che nel continente Europeo). Confrontando questi fatti con i tempi attuali, il calcio è salito al numero uno della classifica degli sport preferiti dagli italiani, con molti investitori esteri che comprendono il pieno valore della qualità delle squadre italiane, come il Proprietario dell’AC Milan. Seppur avendo uno scambio di calciatori abbastanza cosmopolita, la passione per il calcio è probabilmente una di quelle poche cose che sono comuni a tutte le regioni dell'Italia, senza essere influenzata dalle differenze culturali e dalle tradizioni locali che sotto così tanti altri aspetti dividono la penisola.

Se si pensa a temi come il ruolo dello sport nella storia, bisogna ricordare che alcune attività sono più diffuse tra il genere femminile piuttosto che maschile. Un buon esempio è la ginnastica: la ginnastica artistica, forse il tipo più noto, ha origini antichissime e sparse in varie civiltà, dall’antico Egitto alle dinastie cinesi, ma ai giorni nostri ha prove ben precise, che possono essere senza strumenti o in relazione a vari attrezzi, quali la trave, le sbarre parallele, o gli anelli. La ginnastica ritmica, invece, ha origini molto più recenti, ed è solitamente eseguita con un sottofondo musicale, con strumenti come clavette o nastri incorporati nella coreografia. Gli Sponsor delle Farfalle d’Argento sono ben a conoscenza della popolarità dell'attività sportiva, e l’Italia stessa ha raggiunto risultati molto promettenti alle diverse competizioni mondiali e internazionali.

Guardando le varie palestre in Italia le statistiche sono abbastanza chiare: il settimo sport per numero di atleti nel paese è l’atletica leggera. E nel secolo scorso, l’Italia ha mantenuto il primato globale per una delle distanze di corsa su pista per quasi vent'anni, dimostrando l’importanza della nostra terra in questa attività sportiva a livello internazionale. Questo sport è un fantastico esemplare per capire come è organizzato lo sport in Italia, un concetto di cui il Presidente del CONI è senz'altro a conoscenza: le organizzazioni di atletica di livello competitivo devono infatti essere registrate con la confederazione nazionale. La maggior parte delle organizzazioni polisportive, spesso nate come comitati universitari o in vari enti militari, hanno una sezione per l’atletica leggera, e in questi casi molti campi da calcio sono circondati dalla classica pista da corsa. Se si pensa all’origine dell’atletica leggera nella storia, bisogna ricordare che gare come la maratona risalgono addirittura alla cultura dell'antica Grecia.

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15

Comments on “Diversi aneddoti sulla storia dello sport in Italia da sapere”

Leave a Reply

Gravatar